A+ A A-

Carlotta Zanotto: non vedo l'ora di iniziare questa avventura!

Dopo aver intervistato la regista Ilaria Demichelis e il libero Veronica Bisconti, continuiamo a conoscere un po’ meglio le new entry dell’organico 2016/2017 del Volley Soverato. Lei è stata una dei primi acquisti, proviene da un’esperienza importante all’estero: Carlotta Zanotto, nuova schiacciatrice del Volley Soverato.

Ciao Carlotta, raccontaci un po’ della tua carriera pallavolistica.
Ciao a tutti. Ho iniziato a giocare a pallavolo a 6 anni nella società della mia città, il Cus Venezia, per i primi anni ho provato tutti gli sport come atletica leggere, basket, tennis, ping pong, pallamano ecc ma quando ho dovuto scegliere che sport continuare a livello agonistico non ho avuto dubbi e ho scelto la pallavolo! A 15 anni ho cambiato società e sono passata al volley pool Piave dove la mia passione è aumentata e ho disputato 5 finali nazionali e il campionato di B1. A 19 anni ho avuto la grande possibilità di giocare con l'Imoco volley Conegliano con cui abbiamo raggiunto la finale nazionale, l'anno successivo sono andata in A2 a Montichiari con cui abbiamo fatto la promozione e poi sono volata in A2 in Francia per le ultime due stagioni e siamo riuscite a raggiungere la promozione. Ora la nuova esperienza a Soverato”.

Come è nata la trattativa con il Volley Soverato?
La trattativa è nata perché cercavo una società seria e con un bel progetto e Soverato rappresenta tutto questo”.

Ci tenevi a ritornare a giocare in Italia? Quali le differenza principali con il campionato francese?
Ci tenevo a tornare in Italia per confrontarmi nuovamente con il campionato italiano che ha un livello superiore rispetto agli altri, le differenze principali sono che in Francia la pallavolo è uno sport professionistico quindi si è più tutelati ma gli impianti sportivi sono peggiori rispetto ai nostri e ci sono molto meno tifosi”.

Ti trovavi in Francia il 13 novembre, giorno degli attentati. Come hai vissuto quei momenti?
Il 13 novembre purtroppo ero in Francia, a Evreux che è a solo 1 ora da Parigi, sono stati momenti difficili, di paura, ma ci siamo aiutate e rassicurate tra di noi, la squadra, lo staff e tutta la società diventa la tua famiglia quando sei così distante da casa quindi siamo state ancora più unite”.

La società del Soverato punta ormai a compiere il grande salto. Sei pronta per questa avventura al sud Italia?
Sono molto emozionata di questa avventura al sud Italia, ho avuto solo ritorni positivi quindi non vedo l'ora di cominciare e lavorare sodo per l'obiettivo”.

Come giudichi l’organico adesso che è stato completato? Conosci già qualche tua compagna?
Conosco già Serena perché abbiamo giocato insieme al volley pool Piave, poi le altre le conosco di nome o perché abbiamo giocato contro in passato, credo che siamo proprio una bella squadra che darà del filo da torcere”.

Il pubblico di Soverato è molto passionale e giocare al “Pala Scoppa” regala grosse emozioni. Cosa senti di dire ai tifosi?
Non vedo l'ora di cominciare e conoscere tutti i tifosi, il calore del palazzetto è conosciuto e penso che sarà davvero la nostra arma in più. A presto!”.

Saverio Maiolo
Ufficio Stampa Volley Soverato
www.volleysoverato.com
FB: Volley Soverato Official Page
Twitter: @volley_soverato
Instagram: volley_soverato